L’Internet of Things (IoT) nelle abitazioni italiane

Mediagallery

L’Internet of Things sta prendendo campo anche nel nostro Paese entrando sempre di più all’interno delle abitazioni degli italiani, andando oltre i contesti industriali.

Anche Amazon, nel suo ultimo report, ha dichiarato che all’interno delle case degli italiani si stanno diffondendo sempre più soluzioni smart che interessano diversi settori del comparto domestico. La tecnologia IoT, infatti, che permette di connettere a Internet qualunque tipologia di oggetto, è sempre più presente all’interno di lampadine, termostati ed elettrodomestici di ultima generazione, utilizzabili anche da dispositivi mobile, come smartphone e tablet.

Milano, secondo Amazon, è la città in cui viene maggiormente utilizzata la tecnologia IoT. Al secondo posto di questa classifica, invece, troviamo la capitale, Roma, seguita da Trieste che occupa, quindi, l’ultimo gradino del podio.

Per quanto riguarda le regioni, per l’adozione di soluzioni IoT all’interno delle abitazioni, troviamo in prima posizione la Lombardia (che vanta ben sei province collocate nelle prime dieci posizioni di questa classifica).

Secondo il report di Amazon, per finire, i consumatori italiani si rivolgono all’Internet of Things soprattutto per l’illuminazione e per la sicurezza di casa. Ma non solo: i nostri connazionali puntano sull’IoT anche per i servizi di fornitura energetica intelligente.

Il Politecnico di Milano, attraverso il proprio osservatorio per l’Internet of Things, ha confermato che quasi otto italiani su dieci sono interessati all’acquisto di soluzioni per rendere la propria abitazione smart, ossia, appunto, intelligente. In più, circa un quarto dei nostri connazionali pare abbia in programma di effettuare acquisti di questo genere entro la fine del 2016.

Insomma, la rivoluzione smart è solo all’inizio, ma sta diventando, di giorno in giorno, sempre più popolare.


Fonte: http://www.pcprofessionale.it/news/iot-diffusione-case-italia/

Condividi: